Palazzo de Rumine

Où ?
Palais de Rumine
Orari
Du martedì au Domenica
10:00 - 17:00

Nel 1871, Gabriel de Rumine (1841-1871), aristocratico d'origine russa e di madre losannese, dona alla città la somma di 1.500.000 di franchi da destinare alla costruzione di un edificio di utilità pubblica. Le autorità decisero così di costruire una nuova Università ai piedi della collina della Cité e, nel 1889, bandì un concorso di idee, vinto da Gaspard André, architetto di Lione.
Informazioni utili

Indirizzo

Palais de Rumine
Place de la Riponne 6
1005 Lausanne

Comment s'y rendre

Orari

Ouvert
Fermé
Lunedi
Fermé
Martedì
10:00 - 17:00
Mercoledì
10:00 - 17:00
Giovedì
10:00 - 17:00
Venderdi
10:00 - 17:00
Sabato
10:00 - 17:00
Domenica
10:00 - 17:00

Mostre permanenti

Gratuito

Mostre temporanee (prezzo pieno)

8 chf

Mostre temporanee (prezzo ridotto)

5 chf

Mostre temporanee (sotto i 25 anni)

Gratuito

Mostre temporanee (primo sabato del mese)

Gratuito

Biblioteca cantonale e universitaria di Losanna (accesso e prestito di libri)

Gratuito

Chiuso il lunedì
Giorni festivi: apertura 10h-17h
Ingresso libero il primo sabato del mese
Chiuso il 25 dicembre, 1º e 2 gennaio

Autobus 1, 2: fermata «Rue Neuve»
Autobus 7, 8: fermata «Riponne-Maurice Béjart»
Autobus 16: fermata «Pierre Viret»
Metro M2: fermata «Riponne-Maurice Béjart»
In auto: Parking de la Riponne

author avatar
Sébastien, the adventurer
The Lausanner recommande
Sébastien the adventurer
As a photographer, the architecture of Rumine Palace immediately appealed to me, both inside and out. It’s also a quiet place where I can work when I’m in town.
author avatar
Dominik, the arch-photo fan
The Lausanner recommande
Dominik the arch-photo fan
Assuredly a change of scenery with the atmosphere of an Italian palace. I particularly love the old-world charm of the zoology museum display cabinets.
Per saperne di più
Lo stile del Rinascimento fiorentino è evidente, allusione alla culla dell'umanesimo universalista. Il palazzo non nasconde le sue ambizioni enciclopediche: al suo interno, i servizi generali dell'Accademia, aule, la Società dei Sapienti, la facoltà tecnica, biblioteca e non meno di cinque musei. Colonne monumentali, pergolati, logge e campanili corredano l'edificio inaugurato nel 1906. Il corpo centrale si articola in due maniche laterali e presenta soluzioni di spazi e volumi interni molto elaborati, affidati ad uno scalone principale reso monumentale da un effetto trompe-l’œil, un atrio con fontanile, un rete di gallerie e delle rampe sovrapposte. Il Palazzo de la Rumine tuttora ospita i Musei Cantonali di Geologia, Zoologia, Archeologia e Storia, Il Museo numismatico oltre alla Biblioteca cantonale e quella universitaria.
Nell'area